Oratorio San Giovanni Bosco

San Giovanni Bosco è forse il santo più famoso dell’epoca contemporanea. La sua popolarità e’ giunta in tutti i continenti grazie alla diffusione della Famiglia Salesiana e grazie alla nascita degli oratori. Numerosi sono gli eventi organizzati dalle singole parrocchie, da quelli formativi (convegni, incontri, dibattiti) a quelli ludici-gastronomici sempre apprezzati da bimbi e adulti. L’oratorio fu una straordinaria intuizione in risposta alle gravi problematiche del mondo giovanile nell’epoca pre-industriale: analfabetismo, degrado morale, povertà, mancata assistenza religiosa.

La principale preoccupazione del Santo era di tipo religioso e morale, offrire una formazione cristiana, accogliere i ragazzi e raggiungerli ove vivevano. Prima ancora che sacerdote Don Bosco si sentiva uomo e come tale cercò sempre la salvezza dell’anima attraverso l’amore per il prossimo. “Buoni cristiani e onesti cittadini” , ricreazione e divertimento per i più piccoli, evangelizzazione e catechesi per gli adolescenti, istituzione di scuole professionali e collegi per i giovani. Come insegna il buon Dio il primo e supremo insegnamento pedagogico e’ rappresentato dall’amore per gli altri. Educare alla buona vita del Vangelo.

Oggi gli oratori sono ancora centri di aggregazione, ricreazione, evangelizzazione? Come rispondono le famiglie cristiane alla chiamata educativa e formativa dei loro sacerdoti? L’impressione che si ricava e’ che gli oratori dalle ns. parti siano ancora importanti centri di formazione ed educazione ma il compito si esaurisce nel lasso di tempo che va dai primi anni di vita alla fatidica terza media.

Sempre più i ns. giovani si allontanano dagli oratori seguendo esempi e stili di vita che noi adulti proponiamo in prima persona. Scelte di vita che portano al vuoto interiore rincorse ed enfatizzate dal bombardamento mediatico ed informatico. Tutto passa attraverso la Tv e internet, messaggi inculcati da passaggi pubblicitari, trasmissioni televisive, gossip. Sempre più spesso siamo noi adulti, noi educatori a tradire il messaggio del vangelo e di questo e’ bene assumerci tutte le responsabilità ma e’ anche possibile ravvedersi, cambiare, tornare indietro, farsi un serio esame di coscienza.

Affidiamoci quindi a San Giovanni Bosco e alla sua opera per rivalutare e rinnovare gli oratori, frequentiamo con i nostri ragazzi gli oratori, cerchiamo di essere testimoni trasparenti e concreti della parola di Dio.